Ripulita la statua del Cristo degli Abissi: via le incrostazioni senza crollare il bronzo

Genova. Giornata di manutenzione e pulizia per il Cristo degli Abissi, simbolo della subacquea nel mare di San Fruttuoso di Camogli, unitamente l’organizzazione del servizio tecnico di archeologia subacquea della Soprintendenza di Genova e La Spezia e la regia operativa dei sommozzatori della Guardia di finanza che hanno messo a disposizione un’idropulitrice. Insieme a loro, alle operazioni sott’acqua e in superficie, si sono alternati i sommozzatori dei carabinieri, della polizia, della Guardia costiera e dei vigili del fuoco, col supporto logistico del comando Circomare di Santa Margherita Ligure della Guardia costiera.

Un’operazione dal forte valore simbolico. Alta due metri e mezzo e dal pesa di 260 chili, per la sua realizzazione furono raccolte e fuse dallo scultore Guido Galletti medaglie di caduti donate dalle mamme e dalle vedove, medaglie di atleti, parti di navi, eliche, campane e cannoni. Ideata e calata sul fondale nel 1954 da Duilio Marcante e dai grandi pionieri della subacquea ligure su un fondale di 18 metri nella baia antistante San Fruttuoso di Camogli, la statua è un tributo alla memoria di tutte le vite perse in mare. Non a caso è il punto che registra il maggior numero di immersioni nel Mediterraneo.

Le operazioni di manutenzione sono partite dal ritrovo di tutti i nuclei sommozzatori sullo zenit della statua e dal briefing in cui la Guardia di finanza ha spiegato come utilizzare sott’acqua l’idropulitrice, che lavora mediante l’utilizzo di acqua in pressione unitamente effetto cavitazionale generato dalla peculiare lancia in dotazione. Il motore in superficie aziona una pompa idonea a generare un flusso d’acqua, prelevata dal mare, a elevata pressione.

Alessandra Cabella della Soprintendenza ha dettagliato le modalità, la distanza da mantenere a seunitamenteda delle varie parti della statua, a partire dal più moderno basamento fino alle parti più delicate, specialmente le mani: una infatti era già stata staccata e poi riapplicata nel corso di un restauro nel 2004. L’uso di questa strumentazione è vincente: la pressione dell’acqua fa saltare l’incrostazione biologica marina anche corrosiva senza più toccare direttamente il bronzo, la cui patina è stata aggredita da infinite e devastanti ripassature coi denti delle spazzole di ferro nel corso degli anni.

La manutenzione del Cristo degli Abissi non è solo una quest

Articoli correlati

Articoli più recenti