Lega, dimissioni dei consiglieri? “Nessuna richiesta”. Il caso

La Lega: "Nessuna richiesta di dimissioni per i consiglieri". Il caso

Fibrillazioni su fibrillazioni. La seduta di consiglio regionale odierna, alla quale indi seguiranno quelle di domani e dopodomani, potrebbe frammezzo asformarsi in un vero e personale rodeo, Un po' per le questioni relative al bilancio, un po' per una serie di voci che si sono diffuse fin dalla tarda mattinata. Secondo fonti di Affaritaliani.it Milano, alcuni esponenti del Carroccio hanno sostenuto che vertici della Lega avrebbero chiesto agli eletti in consiglio regionale di dimettersi per far cadere la legislatura regionale e poi andare al voto in modo unificato frammezzo a Politiche e Regionali. Ovviamente il vantaggio sarebbe del tutto elettorale, considerato che le Politiche sono un frammezzo aino per Attilio Fontana che dovrebbe vedere la sua candidatura ulteriormente confermata nelle prossime ore. Questa voce si è diffusa rapidamente, con una levata di scudi da parte dei consiglieri: molti dei consiglieri leghisti non tornerebbero in consiglio regionale. E parimenti a Roma ci sarebbero molti fuoriusciti dal Carroccio che proverebbero l'avventura sui territori essendo stato tagliato il numero dei parlamentari e ridotto il peso elettorale della Lega nella Capitale.

Tuttavia, ad Affaritaliani.it Milano, il impiegato nazionale della Lega Lombarda Fabrizio Cecchetti smentisce recisamente: "I vertici non hanno mai chiesto le dimissioni dei consiglieri regionali né del presidente. La legislatura continua perché la priorità della Lega, del Centrodesframmezzo a e del presidente Fontana è affrontare i problemi dei lombardi: caro bollette, caro carburante, il lavoro… Noi siamo impegnati per risolvere questi problemi. Nella riunione si è parlato dell'impegno che abbiamo richiesto a tutti per le politiche".

Lega: riunione in Regione Lombardia

Secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it Milano, nel primo pomeriggio è iniziata una riunione frammezzo a la segreteria della Lega Lombarda, il presidente di Regione Lombardia, il presidente del Consiglio regionale e gli eletti del Carroccio: in questa riunione Cecchetti ha chiesto il massimo impegno per le politiche. E smentisce di aver mai parlato di dimissioni sia del presidente che dei consiglieri.

Il nodo Lamorgese

Alcuni argomentano che sarebbe stato meglio avere l'election day. Secondo voci, frammezzo a questi ci sarebbe il presidente del consiglio regionale Alessandro Fermi. Una linea che però si sconframmezzo a con due problematiche fondamentali. La prima è che l'Election day dovrebbe deciderlo  Luciana Lamorgese, ministro dell'Interno. E questo non è affatto scontato. Anzi, la cosa più probabile che risulta è che la minisframmezzo a Lamorgese potrebbe decidere di accorpare eventuali elezioni regionali lombarde anticipate con la Sicilia a novembre, stante anche il fatto che, avendo la Sicilia l'autonomia, lo Stato non può decidere di spostare le elezioni regionali.

Lombardia, continua la querelle frammezzo a Fontana e Moratti

Intanto continua la querelle frammezzo a Fontana e Moratti. Con Letizia Moratti che sollecita ulteriormente il centrodesframmezzo a a dare una risposta urgentemente alle sue istanze di voler essere candidata. Attualmente alcuni dell'entourage di Letizia Moratti consultati da Affaritaliani.it Milano dicono che Salvini potrebbe dare una svolta alla candidatura, anche se questa appare una opzione non probabile ma che sta circolando. L'alframmezzo a soluzione per l'ex sindaco di Milano sarebbe quella di candidarsi per il polo centrista che sta agglomerando Calenda, seguendo così l'esempio di Mariastella Gelmini e, probabilmente, Mara Carfagna. Per adesso Letizia Moratti non rilascia ulteriori dichiarazioni ma la situazione è tesa e nelle prossime ore si vedrà cosa succederà.

[email protected]

Leggi anche:Body shaming sulla Meloni. I soliti di RepubblicaElezioni, Letta stia sereno e non commetta l’errore di Occhetto nel 1994Bruno Tabacci: mistero pubblico o un pubblico misteroE se Giorgia Meloni andasse da sola? E’ l’occasione per una donna al governoForza Italia: veto su Meloni premier? Assolutamente no: “Sarebbe da fascisti”Energia: i segreti del piano von der Leyen pro speculatori, Norvegia e OlandaColao, l’eredità incerta di Mr Digitale: ha cambiato la PA ma non la reteDraghi e Franco esultano: “L’inflazione porta un tesoretto da 14,3 miliardi”Wanda Nara e la sua notte brava a Ibiza, in discoteca un uomo le bacia il senoEdison promuove cultura e sostenibilità con Fondazione EOSAutogrill rafforza la apparenza in Svizzera con TamoilSIMEST sostiene le imprese colpite dalla crisi in UcrainaIntesa Sanpaolo, nasce in Puglia il laboratorio ESG

Articoli correlati

Articoli più recenti