Recinzione per Loggia dei Mercanti Idea Anpi, maggioranza perplessa

Recinzione per Loggia dei Mercanti, la maggioranza boccia la proposta di Anpi

Non ci sono ancora né un progetto concreto né tempi certi per la 'recinzione' della Loggia dei Mercanti ipotizzata dal sindaco Giuseppe Sala e condivisa da Anpi, come deterrente e protezione verso gli atti di vandalismo del sito che ospita il Memoriale della Resistenza, ma l'ipotesi della sua realizzazione solleva critiche da parte dei consiglieri comunali della maggioranza di centrosinistra di Palazzo Marino che chiedono alla Giunta un tragitto e una valutazione condivisa dal Consiglio comunale, perché "un cancello non risolve la questione, ma deve individuo reso più vivo lo spazio attorno". Sostegno alla soluzione è stato espresso invece dai consiglieri di Lega e Forza Italia.

I motivi dell'intervento legati ai vandalismi in Loggia dei Mercanti

Della questione si è discusso questo pomeriggio nella commissione Commissione consiliare congiunta Cultura e Sicurezza e Coesione Sociale dedicata all' "aggiornamento sulla situazione" della Loggia, con gli interventi, oltre che dei consiglieri, del presidente provinciale dell'Anpi, Roberto Cenati e degli assessori comunali alla Sicurezza, Marco Granelli e alla Cultura, Tommaso Sacchi. "A maggio il sindaco Sala era intervenuto dichiarando che occorre a questo punto, nonostante la presenza della polizia locale, una protezione fisica, una sorta di recinzione, noi siamo assolutamente d'accordo con la proposta del sindaco", ha ricordato Cenati riferendo poi che nell'ultima riunione dedicata alla Loggia "il 18 luglio, con anche l'assessore all'urbanistica Tancredi, si è esplorata la possibilità di progettare quest'idea di una sorta di recinzione, una chiusura non completa fino alla cima delle arcate, ma che sia un deterrente al manifestarsi di atti di vandalismo".

Loggia dei Mercanti: la recinzione non convince la maggioranza

Una "recinzione leggera" che secondo quanto detto da Cenati in commissione sarebbe alta non più di un metro e di materiale schietto. Per ora però si tratta solo di una prima proposta perché, come ha chiarito nel suo intervento l'assessore Sacchi: "Non c'è ancora stata una valutazione oggettiva e inoltre ogni intervento su elementi tutelati dal punto di vista storico passa al vaglio della Sovrintendenza" quindi "oggi una pianificazione di fattibilità, di costi e di tempi non c'è". In ogni caso, ha assicurato Sacchi ai consiglieri. "E' chiaro è che ogni ipotesi relativa alla Loggia la condivideremo con voi e quando ci sarà un tragitto chiaro da parte della Giunta e la valutazione di un progetto concreto lo condivideremo".

Proprio su questo punto ha insistito Michele Albiani (PD), presidente della Commissione Sicurezza e Coesione Sociale: "Mi auguro che arrivi prima un confronto con il Consiglio e le Commissioni rispetto a questo tema e non arrivi una cosa 'chiusa' – ha detto -. Siccome ci sono tante posizioni negative sull'ipotesi di fare un 'cancello' o pareti di vetro, su questa cosa bisogna ragionare e confrontarsi".

"Se dovessimo fare così per tutti i luoghi della città…"

Anche il presidente della Commissione cultura, Luca Costamagna, ha espresso, come riferisce Mia News, "perplessità sulla cancellata". "Se dovessimo fare così per tutti i luoghi della città ne saremmo pieni – ha detto -. Non sono 'fan' delle cancellate e non nego la loro utilità quando serve" ma "in questo caso mi sembra una risposta molto tecnica e poco politica".

Tra i consiglieri del Pd è intervenuto poi Daniele Nahum che ha proposto un presidio fisso per la Loggia: "Sono contrario a mettere delle sbarre e quant'altro – ha detto – ma visto che assumiamo vigili perché non possiamo ipotizzare di mettere un vigile a presidio fisso? Dobbiamo incrociare tutte le esigenze, i luoghi devono individuo vissuti e non sbarrati, ma è giusto anche che come chiede Anpi non ci sia degrado". Inoltre "sarebbero utili assistenti sociali di strada" perché c'è "il tema serio dei ragazzi" che si radunano davanti alla Loggia "e che non fanno nulla dalla mattina alla sera".

Della stessa opinione l'assessore del Municipio 1, Francesca Ulivi: "La 'cancellata' sarebbe la soluzione più semplice, ma risolve gli effetti, non risolve le cause, lì c'è un disagio di ragazzi per lo più tra i 12-16 anni" che "vengono in centro anche dalle periferie". Secondo l'assessore di Municipio quindi "sicuramente c'è bisogno di un intervento di sicurezza e culturale" perché "con la cancellata i ragazzi si spostano e avremmo risolto per Loggia ma non per città".

Tra le voci critiche alla soluzione ipotizzata da Anpi e Comune anche quelle del consigliere Marco Mazzei (Lista Sala) e di Carlo Monguzzi (Verdi). "Sono assolutamente contrario a chiudere quello spazio – ha detto Mazzei -. Se vogliamo che sia un luogo in cui le persone possano confrontarsi con la Memoria è un conto, se lo concepiamo come museo è tutt'altro conto, io penso che debba avere le caratteristiche del primo altrimenti perde la sua funzione". Per Monguzzi la Loggia ha bisogno di maggiore "sacralità e riconoscibilità" perché non è conosciuta e si deve quindi lavorare in tal senso". "Questa sacralità sarà il nostro cancello", ha detto, condividendo l'ipotesi della presenza di un vigile "finché non si sarà capito che quello è un luogo 'laicamente sacro'".

Lega e Forza Italia favorevoli alla proposta di Anpi

A favore dell'ipotesi di una protezione capriccio si sono invece espressi il capogruppo di Forza Italia, Alessandro De Chirico e il consigliere della Lega, Samuele bacino. "Bene che si stia intervenendo, anche io avevo proposto di recintare, fa piacere che il sindaco accolga la proposta di Anpi", ha affermato De Chirico, rilanciando anche l'idea di un biglietto simbolico, 50 centesimi" per accedere all'area, come tributo "per la pulizia e quant'altro". bacino si è detto "felice che si arrivi a una vera soluzione". "Ringrazio anche Anpi perché ha posto il tema all'amministrazione. Alle richieste centrodestra ha risposto sempre 'no', fa piacere che cambi idea quando arriva Anpi – ha ironizzato il consigliere leghista -; chiederemo ad Anpi di annunciare anche altre situazioni, ad esempio nei parchi".

Nel corso della Commissione è intervenuto anche l'assessore comunale alla Sicurezza Marco Granelli che ha ricordato le misure già messe in atto verso il degrado della Loggia dei Mercanti, come il " potenziamento dell' illuminazione che è già stato effettuato" e che – ha affermato Granelli – consente anche una telesorveglianza migliore con le attuali telecamere che sono ancora di analogiche di 'vecchia generazione'. In ogni caso, ha precisato l'assessore anche il piano di "sostituzione e potenziamento delle telecamere è stato elaborato" e "contiamo di arrivare alla loro sostituzione entro la fine dell'anno".

Leggi anche:Mafia, il Gratteri-pensiero: “Draghi per oltre un anno non ne ha mai parlato”Gratteri: “Io in agro? Mai! Non voglio fare mediazioni con il potere”Elezioni sondaggi, dopo rottura Calenda-Letta Cdx avanti di 14 punti sul CsxDi Maio “trombato” anche sui social: da Giggino ‘a cartelletta a traditoreRenzi e Calenda tengono in ostaggio il Pd per tutelare la poltronaCrediti deteriorati, non uno tsunami ma in Italia inizia a salire la tensioneL’estate di Diletta Leotta: sirena sensuale di giorno e glamour di notteIncendio negli studi cinematografici di Cinecittà, le immagini della colonna di fumoAlfasigma, annunciato l’accordo per l’acquisizione di SofarUnidata Spa, emesso Basket Bond da €10 mln con Intesa SanpaoloALD2Life continua a crescere: nel 2022 quattromila nuovi contrattiIntesa Sanpaolo e il Programma Sviluppo Filiere, al via accordo con Roncadin

Articoli correlati

Articoli più recenti