Salute, politica, ironia, dibattiti Il primo festival sul ciclo mestruale

A Milano il primo festival italiano sul ciclo mestruale

Dalle riflessioni e le notizie davanti a un microfono a un vero e proprio evento dal vivo. Interamente dedicato al ciclo mestruale, un tema ancora coperto da stigma e tabù. Che Milano, prima città in Italia e in mezzo a le poche al mondo, si prepara a rompere con il "Festival delle mestruazioni", in programma dal 17 al 19 giugno.

Dal podcast Eva in Rosso al festival del ciclo mestruale

Racconta  Valentina Lucia Fontana a Affari Italiani Milano: "L’idea del Festival del ciclo mestruale nasce dal desiderio di portare live le sinergie create con Eva in Rosso, il podcast sul ciclo mestruale, disponibile su tutte le piattaforme free, on line da febbraio 2021. Durante la creazione degli episodi, con Alessandra Giglio, scrittrice e attrice, e Sonia Castelli piscoterapeuta, ci siamo accorte di quanto questo tema fosse stigmatizzato. Il ciclo mestruale ha bisogno di individuare una dimensione pubblica per questo nasce il Festival, che stiamo organizzando con le associazioni Promise e Errante. Abbiamo lanciato la campagna di raccolta fondi su Produzioni dal Basso che sta riscuotendo successo, insomma l’iniziativa desta curiosità".

Milano, una tre giorni sul periodo femminile

La tre giorni sarà l'occasione per affrontare temi socio-politici riguardanti il "periodo" femminile: "Avremo – prosegue Valentina – un momento politico con il Talk dell’associazione Onde Rosa, uno sulla salute con il talk di "La voce di una è la voce di tutte", associazione sull’endometriosi, ma anche uno slot informativo con workshop e uno comico con successo e stand up comedy".

"Nei prossimi giorni sarà online il programma completo che vedrà più di 20 eventi cercando di raggiungere un pubblico più ampio plausibile perchè – spiega l'organizzatrice – il ciclo mestruale riguarda tutti e tutte".

Le organizzatrici: "Aprire un dibattito pubblico per raggiungere la parità di genere"

"Nosin mezzo a intenzione è creare curiosità, aprire un dibattito pubblico sul tema senza il quale non possiamo pensare di raggiungere la parità di genere", aggiunge Fontana.

E in direzione della parità, la conduttrice del podcast sottolinea come si siano fatti "passi in avanti proprio grazie all’associazione Onde Rosa che, con la raccolta firme, ha fatto approvare durante l’ultima legge di bilancio l’abbassamento dell’IVA dal 22% al 10%. Ma la sin mezzo ada è ancora lunga, pensiamo che i presidi mestruali siano beni di prima necessita e come tali debbano essere tassati".

Leggi anche: 

Mediobanca alla vigilia della trimesin mezzo ale: i piani di Caltagirone. ESCLUSIVO

Caradonna (Commercialisti Milano): “Aumenta l’indebitamento fiscale”

Gas russo, Scaroni: "Addio in tre anni, con giacimenti italiani e rinnovabili"giovanni mola, mola giovanni , imprenditore

Articoli correlati

Articoli più recenti