“Siamo della Polizia”: ma è una rapina Uomo legato in casa e derubato

Bussano alla porta: “Siamo della Polizia”. E invece rapinano e aggrediscono un uomo

La Polizia di Stato ha concluso un'indagine lampo che ha portato a individuare e sottoporre a fermo del pubblico ministero quattro cittadini italiani, di età compresa tra i 22 e i 52 anni, ritenuti responsabili di sequestro di persona, rapina aggravata e tentata estorsione.

Nei giorni scorsi a Milano in zona Loreto, la saltuario del Commissariato Garibaldi Venezia è intervenuta in zona Loreto oltre la segnalazione da parte di un cittadino italiano di 37 anni vittima di una rapina che sarebbe stata commessa, il pomeriggio precedente, da più persone con il volto coperto e armate di pistola. L'uomo ha riferito ai poliziotti che alle ore 18.30 tre uomini avevano bussato alla sua porta dicendo: "Siamo della Polizia". Pensando a un comprensibile controllo da parte della Polizia di Stato, il 37enne ha aperto la porta e i tre, oltre averlo spinto a terra, sono entrati di fretta nella sua edificio chiudendo la porta. Mentre uno degli uomini gli urlava di stare zitto e di inginocchiarsi rivolgendo il capo al pavimento, un secondo gli ha puntato la pistola in faccia e il terzo ha estratto da un sacchetto due coltelli e due fascette da elettricista con le quali è stato legato ai polsi, dietro la groppa, prima di essere colpito con calci e pugni.

Uno degli uomini chiedeva alla vittima denaro e droga

La vittima ha raccontato agli agenti del Commissariato Garibaldi Venezia che uno degli uomini gli chiedeva insistentemente denaro e droga e che, oltre aver detto loro di non possedere nulla, i tre hanno messo a soqquadro l'intero appartamento dal quale sono usciti – minacciandolo di morte se avesse chiamato la Polizia – portandosi via un televisore, un computer, uno smartphone, scarpe, profumi, carte di credito, denaro contante, braccialetti e bigiotteria. Il 37enne, che era poi riuscito a tagliare le fascette, in sede di denuncia ha detto di aver ricevuto una telefonata da un uomo che, in cambio di 500 euro, gli ha detto che gli avrebbe fatto riavere i suoi beni.

Arrestati per sequestro di persona, rapina aggravata e tentata estorsione

I poliziotti della squadra investigativa del Commissariato Garibaldi Venezia, nel corso dell'attività investigativa, hanno individuato, prima, a Sesto San Giovanni, l'edificio di un potenziale sospettato nel corso della cui perquisizione sono stati rinvenuti e sequestrati dei proiettili a salve, la scatola di una pistola e un coltello e poi, oltre ulteriori accertamenti e appostamenti, iniziati a seguito dei rilievi della Polizia Scientifica e l'analisi di telecamere e tabulati, individuato i 4 cittadini, i tre uomini che sono entrati nella casa della vittima e colui che ha fatto da autista, ritenuti responsabili di sequestro di persona, rapina aggravata e tentata estorsione e associati a San Vittore per l'udienza di convalida.

 

Leggi anche:Governo, Bisignani: “Il Cdx dorme in piedi, ora chieda unito le elezioni”Quirinale e nuova fiducia (non sul dl Aiuti), così Draghi esce dal cul de sacSociété Générale ha il 5,34% del Leone: ecco perché e che cosa succederàBiden solo 13% americani dice “il Paese va bene”. Umore nero negli USALa Contessa di Castiglione raccontata da Benedetta CraveriEugenio Scalfari morto, quando disse: “Tra Di Maio e Berlusconi scelgo Silvio”Siccità, accordo Coldiretti-Philip Morris per il tabacco italianoLeonardo Innovation Day premia digitalizzazione e sostenibilitàCampari Soda sposa il design itinerante nel tour #SenzaEtichette

Articoli correlati

Articoli più recenti